La CGIL torna a scuola raccontando storie di successo

Due mesi di lavoro faccia a faccia con i lavoratori di domani, e un percorso arricchente e rivelatore non solo per i giovanissimi degli istituti superiori Pitagora e Aristosseno, ma anche per gli stessi tecnici e professionisti impegnati.

E’ il bilancio dell’attività che il Nidil CGIL, insieme allo sportello orientamento al lavoro, in collaborazione con la FLC, la segreteria confederale della CGIL e la Camera di Commercio di Taranto, ha realizzato a stretto contatto con i giovani studenti delle scuole superiori tarantine, sviluppando un progetto dedicato alle aspettative, ai sogni dei ragazzi, ma anche alla conoscenza delle dinamiche che conducono ad una occupazione responsabile.

Quello che è venuto fuori non è la fotografia dei “bamboccioni” spesso dipinta dalla classe politica nazionale – spiega Daniele Simon, segretario del NIDIL CGIL di Taranto – ma una immagine dai contorni più variegati che inchioda alle proprie responsabilità proprio i legislatori e tutti i livelli istituzionali del nostro paese.

A monte di questo lavoro che ha visto i ragazzi a confronto con esperti del settore, c’era stata la prima indagine conoscitiva della CGIL e del NIDIL sul mondo della gioventù. Il dato analizzato da una sociologa dell’ANPAL aveva delineato una condizione di totale sfiducia dei giovani studenti tarantini nei confronti del loro territorio.

I ragazzi non sono incapaci di sognare e neanche di mettere in pratica una idea progettuale – commenta Simon – ma sognano qui, si formano nella prima parte della loro vita nelle nostre scuole e poi svilupperanno quell’investimento altrove. E’ come perdere un pezzetto di futuro ogni giorno che passa, lasciando a Taranto e alla sua provincia il sedime della “non speranza”.

Così dopo il lavoro realizzato in questi mesi il progetto volge al termine con una consapevolezza nuova: fermare questa emorragia.

Il 4 aprile a trarre le conclusioni e a parlare di lavoro e impresa, nell’auditorium dell’Istituto Pitagora, infatti si rincontreranno i giovani studenti che hanno partecipato al progetto, il segretario generale della CGIl di Taranto, Paolo Peluso, per il Nidil e il Sol, Daniele Simon e Antonella CanditoClaudia Sanesi della Camera di Commercio, il responsabile dello sportello finanziamenti e start up della CGIL Gianmaria Zilio, e tre giovani imprenditori di successo: Alessandro Deodati della Niteko, Maurizio Saiu di Chiancheweb e Carmelo Fanizza presidente della Jonian Dolphin Conservation,.

Una digital factory, un progetto di innovazione tecnologica applicato all’illuminazione, un progetto di ricerca scientifica diventato un’attrazione turistica e culturale, saranno le testimonianze che la CGIL proporrà come il lavoro che cambia.

A concludere i lavori della mattinata, che sarà coordinata dalla giornalista Maristella Bagiolini, sarà la segretaria nazionale del NIDIL CGIL, Sabina Di Marco.

L’appuntamento per la stampa è giovedì 4 aprile a partire dalle 10.00 nell’auditorium dell’Istituto Pitagora, in via Pupino a Taranto.

Precedente Teleperformance: “Non ci renderemo complici di accordi che riducono salari e diritti”